Per lo studio, la cura, l'assistenza e l'informazione sui tumori cerebrali infantili.

La nostra storia 

Molti non lo sanno, ma il cancro colpisce anche i bambini. Gran parte di essi vengono guariti, ma alcuni hanno forme molto maligne e difficilmente curabili.

Tommaso Bacciotti era affetto da una rara forma di tumore cerebrale particolarmente aggressiva, il pinealoblastoma, che si è manifestata quando aveva appena 9 mesi. ‘Tommasino’ è stato sottoposto a cure chemioterapiche intense presso l’Ospedale Meyer di Firenze e ad interventi neurochirurgici sia in questo ospedale che all’estero, che hanno permesso la riduzione del tumore ed un controllo della malattia, durato solamente per un anno.

Il tumore si è ripresentato ed ha portato a morte Tommasino il 19 dicembre 1999. I genitori, Barbara e Paolo, hanno deciso di convogliare le tante offerte di solidarietà giunte dopo la morte di Tommaso nella creazione di un fondo permanente intitolato a ‘Tommasino’ e dedicato allo studio e alla cura di questi tumori.

Esperienze come questa sono piuttosto rare ed estremamente intense. Tommasino aveva, come tutti i bambini, una enorme energia e voglia di vivere che i genitori vogliono non disperdere. Questa forza estremamente positiva deve servire per aggregare quella di altre persone sensibili a questo problema e disposte a dare il loro contributo.

Tommasino è stato una realtà bellissima e questa iniziativa deve essere motivo di gioia: trarre energia dalla morte di una persona amata è la migliore reazione possibile. Non commiserazione o pietà, ma costruttività. A questo scopo la famiglia di Tommasino ha istituito una Fondazione benefica a favore dello studio e le cura dei tumori cerebrali infantili.

Sono passati più di 14 anni dalla scomparsa del piccolo Tommaso e grazie all’instancabile impegno che io, Paolo Bacciotti con mia moglie Barbara abbiamo dedicato alla Fondazione intitolata a Tommasino, siamo riusciti a realizzare importanti progetti nel settore oncologico pediatrico. Fin dai primi momenti abbiamo sentito la necessità, per quanto possibile, di uscire dal nostro profondo dolore e di trasformarlo in una reazione costruttiva.

Grazie all’attività della Fondazione, e dunque all’appoggio di tante persone generose e sensibili, abbiamo portato a termine obiettivi importanti, sentendoci sempre vicini ai bambini ammalati e alle loro famiglie, in quanto noi stessi in prima persona abbiamo vissuto per due anni il drammatico tunnel della malattia: per esperienza diretta sappiamo cosa significa avere un figlio malato di tumore. Ed è per questo motivo che in ricordo di Tommaso desideriamo offrire ai bambini ammalati una possibilità in più, quella possibilità che nostro figlio non ha potuto avere.

Sono molti i progetti che già abbiamo portato a termine e di cui siamo fieri, ma con altrettanto entusiasmo guardiamo anche al futuro, determinati e fiduciosi nell’intento di poter fare ancora tanto per i bambini che soffrono.

Paolo Bacciotti
dicembre 2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi